Emilia Romagna, regione dalle mille bellezze. Una terra in cui arte, storia e gastronomia si intrecciano generando una fitta trama di tradizioni. Non tutti, però, sono a conoscenza delle innumerevoli bellezze artistiche che impreziosiscono il territorio regionale, a volte nemmeno chi lo abita ne è pienamente consapevole. È per questo che la Regione ha deciso di aderire ad un contest fotografico internazionale promosso da Wikipedia e ormai giunto alla sua sesta edizione.

Tutti i cittadini, tramite questo concorso, sono chiamati a racchiudere in uno scatto il patrimonio artistico italiano. Le istituzioni che aderiscono all’iniziativa dovranno “sbloccare” dei monumenti in modo da autorizzarne la pubblicazione su Wikipedia e renderli liberamente fotografabili. Un’ottima soluzione non solo per coinvolgere nel magico mondo dell’arte nuove fette di pubblico ma anche per far conoscere al mondo quei monumenti meno meritevoli di essere apprezzati da tutti. A stabilire i vincitori del contest sarà una giuria di qualità nominata da Wikipedia Italia; per i primi dieci classificati sono in palio altrettante macchine fotografiche.

Protagonisti assoluti di “Wiki Loves Monuments” sono i monumenti sparsi per tutta l’Emilia Romagna. Dall’1 al 30 settembre 2017 basterà caricare i propri scatti sul sito per poter partecipare al concorso fotografico più grande del mondo. Oltre 270 i monumenti “liberati” dalle Province emiliane e che potranno essere fotografati per l’iniziativa. Sono state organizzate ben 43 Wikigite in tutta la regione (qui il calendario nazionale): si tratta di eventi aperti a fotografi professionisti e a semplici amatori dedicati a scoprire, immortalare e, successivamente, diffondere in rete, le meraviglie del territorio emiliano e romagnolo.

Le province di Ferrara, Modena, Parma, Piacenza e Reggio Emilia, particolarmente prospere dal punto di vista monumentale e architettonico, hanno colto la palla al balzo. La Regione, inoltre, aggiunge un contest nel contest: si tratta del concorso “Occhio digitale sul Polo Museale dell’Emilia Romagna” che coinvolge il Museo Pepoli Campogrande, il Palazzo di Teodorico e il Museo Archeologico Nazionale. Attraverso tre passeggiate si andrà alla scoperta dei “nuovi” patrimoni gestiti dal Polo Museale Regionale. Il prossimo appuntamento in calendario si terrà domenica 17 settembre a Ferrara dove si potrà conoscere e fotografare il Giardino di Mezzogiorno, delizioso esempio di giardino formale storico, di Palazzo Costabili, con accesso a corti, loggiati ed ambienti solitamente chiusi al pubblico. La visita è gratuita.

Sul sito ufficiale di WLM, oltre a tutte le informazioni su come iscriversi e su come funziona il concorso, potrete conoscere la lista dei monumenti della Regione Emilia Romagna che si sono fatti belli per voi. L’Emilia, e la Regione tutta, spinge l’acceleratore sul pedale della promozione delle proprie bellezze. L’idea di attuarla attraverso un contest fotografico è il modo più intelligente e coinvolgente per farlo.